Scoutismo ieri e oggi, intervista a Emanuele Locatelli - Intervista in occasione della Conferenza tenutasi presso la nostra scuola
 
    Stai leggendo il giornale digitale di I.C. Nicolini-Di Giacomo su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    Scoutismo ieri e oggi, intervista a Emanuele Locatelli

    Intervista in occasione della Conferenza tenutasi presso la nostra scuola

    In occasione della conferenza degli Scout tenutasi presso il plesso Di Giacomo della nostra scuola abbiamo rivolto alcune domande al relatore Emanuele Locatelli.
     
    Cosa può insegnare lo scautismo ai ragazzi di oggi?
    “ L’obiettivo dello scautismo è quello di aiutare i ragazzi a crescere persone capaci di pensare con la propria testa, capaci di esercitare un giudizio critico nei confronti della realtà che hanno intorno, di sviluppare le loro abilità, le loro potenzialità. In realtà la cosa più importante dello scautismo è aiutare ciascun ragazzo a scoprire ciò che ha di unico e speciale, cioè a scoprire la loro vocazione stando insieme agli altri, stando nella natura e vivendo quella che è la vita scout.”
     
    Cosa puó insegnare,invece, in una città come Napoli?
    “Come ogni altra città, Napoli ha certamente le sue criticità, ha le sue difficoltà dove i giovani, sicuramente, possono essere una forza di miglioramento. 
    Quindi lo scautismo in una città come Napoli può essere un invito ad esprimere la propria capacità, di servire e rendersi utili per fare qualcosa di buono per la città, in tanti modi diversi. Infatti noi sappiamo che molti scout si danno da fare per conservare meglio il verde, per mantenere più pulito, insomma per dare una mano in ogni attività. Lo scautismo nella società civile, cosiddetta, può dare davvero un buon contributo.”
     
    Chi sono le Aquile Randagie?
    “ Le Aquile Randagie erano dei bambini di Milano e Modena che facevano parte di un gruppo di scout, ed essi si ribellarono a Mussolini e alle idee fasciste. L’uomo che ha creato il primo gruppo di scout fu Don Giovanni Minzoni. 
    Lui era un parroco ma si appassionò allo scautismo e così decise di formare questo Gruppo di scout, però venne assassinato da Mussolini perché si era liberato alle idee fasciste.”
     
    Come si puó attualizza la lezione delle Aquile Randagie?
    “La lezione delle aquile randagie si attualizza nel momento in cui ci lasciamo provocare da quelli che sono i condizionamenti che abbiamo intorno noi oggi. 
    Allora durante il fascismo, 
    c’erano degli imperativi , c’era una mentalità alla quale tutti si dovevano adeguare.
    Anche oggi,in realtà, siamo tutti portati ad adeguarci ad una mentalità particolare, cioè la mentalità del successo, nel senso di accumulare denaro.
    Mentre lo scautismo ti invita a cercare invece le cose che danno più senso alla vita. 
    Noi siamo continuamente richiamati a dei modelli di bellezza, di apparenza, per cui non curiamo la bellezza interiore.”
     
    Cos’è la fondazione Baden?
    “La Fondazione Baden è un gruppo di persone che si preoccupa di divulgare lo scautismo e di favorire il più possibile la conoscenza del mondo scout. 
    Si chiama Baden perché era un totem, cioè il nome di battaglia di un prete, Don Andrea Ghetti, che è  stato anche un’ Aquila Randagia ed è stato anche un maestro di molte persone. Quando poi è morto sì è deciso di continuare un po’ il suo pensiero, fondando questa fondazione che porta il suo nome.”

    di Alice (Alice Carpentieri)


    Parole chiave:

    intervista , resistenza , scout

    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi